10, 100, 1000 Trieste

Superman, Batman e gli Avengers possono farsi da parte: il mondo ora ha dei veri eroi da seguire.
Lo sciopero dei portuali di Trieste, che hanno bloccato il porto cittadino dal 15 al 18 ottobre fino allo sgombero in stile cileno del governo, in segno di protesta contro l’imposizione del Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro, ha mostrato la via che ogni cittadino deve seguire per fermare questa follia del NaziPass.
E cioè scioperare, fermare le attività economiche, disertare gli uffici pubblici, finché questo strumento infernale non sarà abrogato definitivamente.
Se qualcuno pensa che siano solo pochi portuali a doversi sobbarcare la responsabilità di combattere per tutti, si sbaglia di grosso.
L’esempio di questi lavoratori coraggiosi deve essere ripetuto in tutte le città d’Italia, non solo con manifestazioni di piazza, ma con scioperi che rendano il Paese ingovernabile fino al raggiungimento del risultato finale.
Ricordiamo che emanare un decreto legge che cancelli il Green Pass, non solo per il lavoro ma anche per ogni altra attività, è qualcosa che può essere fatto nel giro di un paio di giorni.
Occorre COSTRINGERE Draghi e la sua maggioranza a procedere in questa direzione, sotto pressioni che provengano dall’intero Paese.

Sabato 23 ottobre, in tutte le città d’Italia si terranno manifestazioni contro il Green Pass e in appoggio ai portuali di Trieste.
Occorre la massima mobilitazione da parte di ognuno, e che in quante più città possibile si creino disagi e scioperi simili a quelli della città friulana.
Se il Paese verrà paralizzato, il governo sarà costretto a tornare sui propri passi e ristabilire una forma di VERA NORMALITA’.
Questo strumento di pressione popolare su scala nazionale dovrà andare di pari passo con le battaglie legali: occorre adire la Corte Costituzionale attraverso delle cause di tribunale in cui si contesti la palese violazione dei diritti costituzionalmente garantiti avvenuta con l’imposizione del GP (in particolare dei primi 4 articoli); occorre denunciare il governo Draghi per violenza privata se non per estorsione, e occorre continuare a raccogliere le firme per il referendum abrogativo dei decreti istitutivi del certificato verde, qui il link per firmare on-line e di persona.
Ogni mezzo di pressione popolare dovrà essere dispiegato per portare alla fine di questa mostruosità filonazista: se poi partiti, associazioni e sindacati volessero farci anche il grande piacere di togliere il loro sostegno al vile affarista, liquidatore dell’industria pubblica italiana, affamatore della Grecia, golpista nel 2011 nei confronti del governo Berlusconi tramite la Bce, sicario di Goldman Sachs e dei peggiori poteri finanziari internazionali, e ora esecutore mai eletto dal popolo di una spietata dittatura sanitaria per conto di Big Pharma e del Grande Reset di Davos, questa sarebbe di sicuro una buona notizia.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...