No al NaziPass. Opporsi in tutti i modi a questa deriva totalitaria

Sui social circola un simpatico post che spiega cosa fosse l’AhnenPass. E precisamente, un passaporto genealogico/lasciapassare che identificava, durante il regime nazista, i possessori di sangue ariano, non “inquinati” da tracce genetiche ebraiche o di altre razze ritenute inferiori.
Il pass era essenziale, tra le altre cose, per rivestire incarichi pubblici. Gli ebrei, come sappiamo, erano invece esclusi da un gran numero di mestieri e professioni e confinati nei loro ghetti.
Tutto benedetto e giustificato dalla “Scienza” dell’epoca.

Ora, a distanza di quasi un secolo, torna tra noi la discriminazione tra cittadini in base al possesso di un lasciapassare, e non a causa del proprio sangue o della propria razza, ma in virtù dell’aver ricevuto o meno il battesimo di quella religione laica e satanica che mira al transumanesimo.
Ovvero il “sacro” vaccino sperimentale a Rna, quella porcheria che sta mietendo vittime in tutto il Paese (tra miocarditi, trombosi e “malori” fatali come mai ne sono accaduti, consultare pure questo link per un elenco abbastanza esaustivo) e di cui non è ancora dato sapere con certezza cosa contenga, visto che ricercatori indipendenti come i dottori Montanari e Gatti si sono visti negare la facoltà di analizzarli per bene.
Quindi, per quanto ne sappiamo, potrebbero contenere di tutto: dalla biotecnologia finalizzata a produrre la particella Spike, a metalli di ogni genere, fino a nanobot di controllo.

Del resto, è lo stesso Klaus Schwab del World Economic Forum di Davos ad averci spiegato nei suoi libri come il sogno dei supercapitalisti sia iniettare negli individui la Smart Dust, una tecnologia invisibile ad occhio nudo ma fatta di microrobot capaci di andare ad interagire con l’organismo umano, persino connettendolo a Internet o ad altre forme di Hi-Tech. Non è fantascienza, ce ne ha parlato lui in maniera molto entusiasta, come si può riscontrare in questo articolo pubblicato da ByoBlu.

Per non parlare della ossessione malthusiana delle élite mondialiste per il depopolamento, per cui siamo in troppi e, per il bene del pianeta, bisogna dare una bella sfoltita al gregge umano. Magari ammazzandone un certo numero con sostanze tossiche e sterilizzandone un’altra bella fetta, come nel libro Inferno di Dan Brown (noto massone) o nel film campione d’incassi Avengers Endgame. Ricordiamoci che da sempre l’industria dello “spettacolo” anticipa quello che gira nella testa dei suoi finanziatori, preparando il terreno sociale all’accettazione di future decisioni politiche.

Allora vien da chiedersi: a cosa serve insistere con una foga vaccinale senza precedenti, quando in questi giorni di fine luglio i morti da Covid (ammesso che siano veramente da Covid) sono inferiori ai 10 al giorno?
Evidentemente in questi vaccini c’è qualcosa che non ci è stato spiegato del tutto, e di questa terapia genica sperimentale a Rna e di aziende che si chiamano BioNTech (Biologia e Tecnologia, coproduttori assieme alla Pfizer del siero miracoloso) non si può che diffidare.

E’ chiaro che il progetto del Green Pass ha radici antiche, e si lega ad una forma di controllo orwelliano della popolazione. Bill Gates lo aveva già in serbo sin dall’inizio della pandemia in Occidente: a metà marzo 2020, sul social Reddit, il nostro “filantropo” veggente vaticinò: “Alla fine avremo dei certificati digitali che permetteranno di indicare chi è guarito dal Covid, chi ha effettuato un test negativo e, una volta che avremo un vaccino, chi lo ha ricevuto”.
Caspita, questo Gates non ne sbaglia una.
Come quando predisse l’arrivo di una pandemia nel 2015.
O come quando mise su una simulazione pandemica da Coronavirus nell’ottobre del 2019, a poco più di un mese dai primi casi ufficiali a Wuhan.
Anche lì era presente, tra gli organizzatori, proprio il World Economic Forum di Davos dell’amico Klaus Schwab.

Che la pandemia sia un evento organizzato da alcuni super-miliardari occidentali con la complicità del regime cinese, l’abbiamo già sostenuto in altri articoli precedenti e lo ribadiamo qui.
Gli obiettivi ultimi sono il cosiddetto Grande Reset, con tutte le sue sfaccettature, e il progetto ID2020 di Gates e Rockefeller.
Mettendo insieme questi due obiettivi, si capiscono molte cose della road map della pandemia:
– La creazione di una crisi economica paurosa, volta a mettere in ginocchio le classi medio-basse in favore di pochi super-ricchi;
– La vaccinazione coatta a Rna di sempre più individui, con una tecnologia capace di modificare il nostro Dna in un modo che non è chiaro se non ai creatori della tecnologia stessa;
– Il controllo sempre più pervasivo della popolazione con la scusa del virus, con l’aiuto di tecnologie orwelliane;
– Il sabotaggio di quelle cure che potevano rendere non necessario l’uso del vaccino, e il terrorismo sparso a piene mani dai media a libro paga di Big Pharma su di un virus che non è certo la peste bubbonica, ma che ammazza solo quelle categorie fragili che sarebbero in pericolo pure con la comune influenza.

Ed ecco arrivare il lasciapassare nazista tanto agognato da Gates, Rockefeller e dalla loro ID2020 Alliance, che dal 2015 vogliono dotare ogni abitante del pianeta anche di una identità digitale collegata in modo “biometrico” (cioè legata al corpo umano) al possessore e al suo registro delle vaccinazioni.
I possessori del NaziPass saranno i nuovi ariani, quelli resi transumani (e manipolabili) dal battesimo satanico (perché è ovvio che nessuno si farà dei tamponi a pagamento ogni tre giorni per mangiarsi una pizza con gli amici o andare al cinema); il resto della popolazione, sana ma non vaccinata, i nuovi ebrei, definiti no-vax, negazionisti, untori. O sorci, come li ha chiamati Burioni usando un termine molto scientifico.

E’ solo il caso di ricordare che, mentre i sedicenti paladini dei diritti si sbracciano per il DDL Zan e quindi per vietare ogni discriminazione o presunta tale verso il loro elettorato Lgbtqwertyuiop, stanno bombardando con le V2 i principi supremi della nostra Costituzione, in particolare l’art. 3 che recita quanto segue:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Per non parlare dell’art 13 che recita: La libertà personale è inviolabile.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’Autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.”

E dell’art. 32, naturalmente, per cui Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”

Ma ci sarebbero da citare anche l‘art. 4 (“La Repubblica garantisce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto) per quanto riguarda l’accesso ai concorsi pubblici e alle professioni per cui è scattato l’obbligo di vaccinazione, e l‘art. 9 (“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica“) per quanto riguarda l’accesso ai musei e ad altri luoghi di cultura.

Senza dimenticare i principi sanciti dopo il Processo di Norimberga, per i quali costringere qualcuno ad un trattamento sanitario sperimentale contro il suo consenso è un crimine verso l’umanità.

Ma venendo a tempi più recenti, è la stessa Unione Europea, tanto amata da piddini e simili, a vietare specificamente discriminazioni nei confronti di chi non sia vaccinato, come si può leggere proprio nel regolamento europeo sul Green Pass.
Ma quindi, secondo Letta dovremmo “Morire per Maastricht”, ma quando quest’Europa finalmente ne azzecca una, la vogliamo ignorare? E’ tutto molto curioso.

A questo punto, cosa fare.
Il 24 luglio è stata giornata molto proficua, per la mobilitazione generale in tutte le piazze d’Italia. Ma non può bastare.
Stiliamo un elenco delle iniziative da mettere in atto per sabotare questa immane porcheria:

1) Continuare a protestare nelle piazze, in maniera regolare e partecipata;
2) Disobbedienza Civile: non scaricare il Pass, non frequentare i locali che lo richiedono, appoggiare quelli che se ne fregano altamente;
3) Per chi ha conoscenze nel settore, chiedere alle Forze dell’Ordine di lasciare in pace i disobbedienti, cittadini ed esercenti, non facendo controlli e non sanzionando;
4) Depositare presso le procure e le Forze dell’Ordine moduli di denuncia collettiva predisposti da avvocati amici contro Draghi, Speranza e tutti gli altri ministri coinvolti, per aver calpestato dei diritti costituzionalmente garantiti;
5) Ricorrere alla Corte Costituzionale per far radere al suolo questo decreto;
6) Chiedere ai propri parlamentari di riferimento di cancellare o modificare questa porcata, ai propri politici regionali e locali di sabotarla;
7) Raccogliere le firme per indire un referendum abrogativo.

Se vogliamo fermare queste nuove leggi razziali e questo apartheid a norma di legge, occorre che ognuno faccia la sua parte con quanto ha a disposizione. Non è possibile che non si possa entrare in un museo, in un ristorante al chiuso, in una palestra o in un teatro senza la punturina “magica” o un tampone.
Chi non si attiva, anche minimamente, è complice dello schifo che si sta concretizzando davanti ai nostri occhi.

Pubblicità

L’obbligo vaccinale è follia pura. Rifiutiamolo in massa (e pure il Green Pass)

Come ogni mese di luglio, arriva il caldo africano e qualcuno inizia a dare di matto.
Il leitmotiv di quest’anno, per tutti gli sciroccati di sinistra e destra, è “ci vuole l’obbligo vaccinale per tutti”.
Lo stanno invocando Burioni, Bassetti e Letta , il Cts lo sta raccomandando, Figliuolo lo sta “valutando“, e torme di invasati sono pronti con la lanterna in mano a urlare “crucifige!” al no-vax di turno.
Il tutto sulla scia di Macron, che da pochi giorni ha deciso di rendere obbligatorio il Green Pass per accedere a qualsiasi locale pubblico, inclusi bar e ristoranti, stadi, trasporti, cinema e musei. In pratica un obbligo vaccinale indiretto.

Peccato che il vaccino anti-Covid, quale che sia la marca (tra poco ce lo rifileranno pure agli Hard Discount) oltre a causare una valanga di effetti collaterali anche fatali (per avere una lista che renda l’idea di cosa stiamo parlando, consultare il sito “Esclusacorrelazione.it“), NON dà la minima garanzia di rendere immuni dal Covid, come dimostrato dai tanti casi di vaccinati poi risultati positivi, e dagli studi (ad esempio quello israeliano e quello britannico) che dimostrano come le c.d. “varianti” sfuggano in modo significativo alla vaccinazione.
Tutto da rifare, quindi.
Forse aveva ragione Montagnier quando diceva che in piena pandemia NON si dovrebbe vaccinare perché questo favorisce le mutazioni del virus. Ossia proprio le terribili varianti.

Ma cosa volete che gliene freghi a multinazionali del farmaco e governi: i primi possono continuare a produrre sempre nuovi vaccini per sempre nuove varianti (ora si sono fissati con l’alfabeto greco, poi passeranno all’ebraico e al fenicio, probabilmente), i secondi invece possono continuare a mantenere questo clima di tensione permanente e restrizione dei diritti individuali, almeno finché c’è qualche pollo che ci casca e continua a dargli retta.
Quindi, come sempre, sta ai cittadini mandare tutto questo circo in malora e pretendere di vivere NORMALMENTE, come del resto sta già succedendo in Gran Bretagna, nonostante l’impennata dei casi di contagio.

A proposito di restrizione dei diritti individuali: i nazifascisti contemporanei stanno procedendo spediti nel loro gioco di ruolo di emulazione del Ventennio: Facebook ha cancellato la pagina di Sara Cunial, YouTube ha sospeso per alcuni giorni il canale di Visione Tv (gestito da Francesco Toscano, poi riattivato), medici e infermieri contrari all’obbligo vaccinale rischiano il posto di lavoro e si sono appellati al Tar, le voci libere sono censurate in maniera sempre più pervasiva.
In ambito lavorativo, di recente sono state chiuse la Torteria “ribelle” di Chivasso, gestita da Rosanna Spatari, e il locale “Da Tito” di Firenze, gestito da Momi El Hawi, leader del movimento Io Apro. Al secondo la licenza è stata revocata ma poi il locale ha riaperto perché questa è stata intestata alla sorella; ciò non toglie il clima di pesante intimidazione verso tutti i “non allineati” in corso.

Che questi atti di squadrismo parafascista avvengano proprio in contemporanea all’invocazione sempre più frequente di un obbligo vaccinale “erga omnes” deve naturalmente essere visto solo come una curiosa coincidenza.
Così come deve essere considerata solo una semplice “svista” l’errata traduzione del regolamento Ue sul Green Pass, nella versione italiana del quale è scomparsa la parte in cui si impegnano gli Stati alla “non discriminazione verso coloro che SCELGONO di non vaccinarsi”.
Questa cosa di poter scegliere cosa inoculare nel proprio corpo è proprio mal vista dalle nostre parti.
Chissà, forse sarà dovuto a quel simpatico meeting del 2014 alla Casa Bianca tra la Lorenzin, Ranieri Guerra, il presidente dell’Aifa Pecorelli, Obama e numerosi capi di Stato e di governo, nel quale si decise che l’Italia avrebbe fatto, negli anni a venire, da “capofila per le strategie vaccinali” a livello mondiale. Leggi: Paese cavia.
Non saremo mai abbastanza riconoscenti alla Lorenzin e all’allora premier, Matteo Renzi, per questo onore.

Fatto sta che da allora l’Italia è bersagliata da una foga vaccinale senza precedenti: prima la legge Lorenzin con la ridicola scusa del morbillo e l’imposizione di 10 vaccini ai bambini in età scolare, poi l’imposizione dell’obbligo di vaccino anti-Covid per i sanitari, e adesso stanno salendo i cori per l’obbligo vaccinale esteso a tutti.
L’unica risposta a questi fenomeni è mandarli al diavolo, se necessario ricorrendo ad avvocati e tribunali, oltre che alle manifestazioni di piazza e a una sana Disobbedienza Civile.

Poi c’è il capitolo Green Pass.
Nonostante la furia vaccinale dei nazisti nostrani, la Commissione Ue ha chiarito ampiamente che la libertà di circolazione è un cardine dei principi comunitari, e che quindi non la si può limitare in caso di mancata vaccinazione. Stessa cosa viene affermata dal regolamento europeo approvato di recente da Europarlamento e Consiglio, per cui gli Stati non devono discriminare in alcun modo chi sceglie di non vaccinarsi.
Questo mette una pietra tombale sulle pretese di chicchessia di limitare i diritti dei non vaccinati.
Tuttavia, anche in Italia si sta cercando di imporre il Green Pass modello francese, ovvero un obbligo vaccinale indiretto. Il Pass verde sarebbe obbligatorio, nelle intenzioni del governo, in tutti i luoghi a rischio assembramento: trasporti a lunga percorrenza (navi, treni e aerei), stadi, palestre e centri sportivi, concerti e spettacoli, eventi, convegni, feste e banchetti. Questo significa che, chi non si vuole vaccinare, dovrebbe comunque fare il tampone a sue spese prima di entrare in qualsiasi luogo pubblico tra quelli previsti dalla legge, oppure dimostrare di essere già guarito dal Covid. Una soluzione improponibile e scomodissima per chi non abbia avuto la malattia e non si voglia vaccinare, quindi una discriminazione di fatto.
A questo punto, è di molto preferibile richiedere a chi non dovesse essere in possesso di Green Pass di utilizzare mascherina e distanziamento come si è fatto finora, invece di imporgli multe fino a 400 euro.

Per tutte queste misure (vaccini obbligatori o quasi, obbligo di tampone e certificati di avvenuta guarigione) ci auguriamo una fine immediata, così come auguriamo al Green Pass la stessa fine dell’app Immuni.
I dati sanitari sono dati sensibili e non debbono essere manipolati così alla leggera, come testimoniato dalle tante perplessità del Garante della privacy sul Pass verde italiano. E non è possibile subordinare le libertà costituzionali all’avvenuta vaccinazione o all’esibizione di un Pass sanitario.
Per cui l’unico principio deve essere: se hai sintomi riconducibili al Covid, devi stare a casa e non puoi viaggiare.
Se non hai sintomi, puoi andare dove ti pare, sebbene (ancora per qualche tempo) con le dovute precauzioni: mascherina e distanziamento. Può essere utile un certificato di buona salute rilasciato dal medico, ma questo controllo digitale e orwelliano collegato a Covid e vaccinazioni deve essere cancellato quanto prima.
Anche perché parte di un’agenda globale molto più vasta, come scritto nei post precedenti.