La dittatura della museruola

Se gli italiani riuscissero a cogliere le occasioni quando si presentano, il lavoro di liberazione del Paese sarebbe già a buon punto.
Il 20 e 21 settembre scorsi si era presentata l’opportunità di dare una pesantissima mazzata al governo Conte bis e alla maggioranza, in primis rigettando il truffaldino taglio dei parlamentari, riforma sognata da Licio Gelli per portare avanti una svolta autoritaria in Italia e realizzata, proprio per questo motivo, nel 1929 da Mussolini (che ridusse la Camera a precisamente 400 deputati nominati dal solo partito fascista), e “in secundis” legnando sonoramente il Pd alle Regionali, con un passivo tale da mettere in crisi il governo.
La cosa non è riuscita, per la beota testardaggine con cui il centrodestra ha invitato i suoi elettori a votare Sì (Belusconi era membro della P2 e si può capire, meno comprensibile è l’appoggio di Fratelli d’Italia e Lega. Davvero non hanno colto l’effetto devastante che una sconfitta al referendum e alle Regionali avrebbe significato per il M5S, azionista di maggioranza del governo? Mah..) e per la commovente e lungimirante “resistenza” di toscani, pugliesi e campani, che rivotando Pd hanno dato ossigeno al governo più abusivo e disastroso della storia repubblicana, al di là delle questioni territoriali che in questo frangente rivestivano un’importanza di molto secondaria.

E dopo questo capolavoro di idiozia collettiva, ecco i primi risultati del verdetto delle urne: proroga dello stato d’emergenza fino al 31 gennaio 2021 (e poi avanti fino all’elezione del nuovo PdR, se il Covid scompare lo importiamo con gli immigrati), Conte che torna a fare il dittatore sudamericano via Dpcm, mascherine imposte anche all’aperto, nuove strette sulla vita sociale ed economica (orari di chiusura dei locali anticipati, feste in famiglia vietate), nuove minacce di lockdown.
Sulle mascherine/museruole, in particolare, siamo ormai al delirio: già non servono quasi a nulla al chiuso (poiché bloccano le goccioline di saliva ma non certo i virus, che sono delle dimensioni di nanometri: praticamente servono solo se qualcuno vi tossisce o starnutisce in faccia), figuriamoci all’aria aperta.
Qui bisognerebbe metterle solo dove non sia possibile tenersi a distanza dagli altri, mentre si è deciso di imporle all’aperto tout court salvo che non si sia in luoghi completamente isolati: una follia criminale che servirà solo ad asfissiare nella propria anidride carbonica chiunque sia così stupido da seguire queste regole alla lettera.
E’ evidente come l’imposizione della mascherina h24 sia utile solo a sottomettere la popolazione e renderla docile e ubbidiente (la museruola, appunto) mettendo a tacere ogni voce di dissenso al regime (il bavaglio). Inoltre serve a far percepire la attualità di una minaccia volutamente amplificata, aumentare il senso di pericolo, e anche a ridurre
l’afflusso di ossigeno al cervello, rendendo la popolazione più stupida, impaurita, malaticcia e così facilmente dominabile. Così la mascherina diventa il simbolo perfetto dell’asservimento di un popolo: un’efficacia irrisoria dal punto di vista sanitario e un’efficacia pazzesca dal punto di vista psicologico e simbolico.
Se poi ci mettiamo pure il fatto che a produrle sono gli Elkann, gli stessi che controllano il gruppo Gedi e quindi Repubblica e La Stampa per dirne solo due, si capisce quali interessi ruotino attorno al business delle mascherine e alla propaganda sul loro uso continuo.

Si dirà: “Sì, ma i contagi sono tornati a crescere, e così i decessi. Bisogna fare
più attenzione e inasprire le misure di contenimento”.
La questione è sempre la stessa: i contagi crescono perché ogni giorno aumentano i tamponi, quindi si scoprono ogni giorno nuovi positivi che in realtà stanno benissimo, in quanto asintomatici.
Prendiamo i dati del 12 ottobre.
Su 4619 nuovi positivi (risultanti da ben 85.442 tamponi effettuati), i ricoverati in ospedale sono 302 e in terapia intensiva ci sono altre 32 persone.
Il che significa che i restanti 4.300 positivi, in isolamento a casa, hanno sintomi così lievi da non necessitare di un ricovero in ospedale.
In pratica, è come se avessero sì e no una comune influenza.
L’aumento dei decessi (oggi 39) è sicuramente preoccupante, ma:

1) 30-40 decessi al giorno non sono certo un numero spaventoso su una popolazione di 60 milioni di abitanti. Lo sarebbero per una città con qualche migliaio di abitanti. E comunque a marzo i decessi giornalieri da Covid erano arrivati a oltre 900;
2) E’ tutto da dimostrare che questi 30-40 decessi siano realmente da imputare al Covid, dal momento che, come ben sappiamo, ogni morto che risulti positivo al tampone viene classificato come deceduto a causa del Coronavirus, anche se ha subito un incidente stradale. E pure i tamponi sono tutt’altro che infallibili.

In sostanza, si continua a spargere terrore e allarmismo a piene mani, ignorando l’effetto disastroso sull’economia, sulla società e sulla salute stessa della popolazione che questo continuo clima di terrore produce.
Tutto questo non si comprende se non si guarda al piano superiore: l’obiettivo della classe politica abusiva al governo non è certamente quello di lavorare per il bene della popolazione e della Nazione, ma quello di attuare l’agenda globale dei loro danti causa: usare quella che è poco più di un’influenza per instaurare una dittatura globale, come profetizzato da Jacques Attali, distruggere le libertà civili e soggiogare i popoli, imporre vaccinazioni di massa e tutto quanto è ad esse collegato (non dimentichiamoci di ID2020 e della schedatura tecnologica delle persone), indurre una paurosa crisi economica che renderà i super-ricchi ancora più ricchi, mentre farà a pezzi tutti coloro che non sono tutelati dal “nuovo ordine” (o “nuova normalità” come amano chiamarla).
I dati ci dicono che la pandemia ha ulteriormente arricchito i Paperoni del globo, dimostrando la natura classista del virus: globalista, anti-sovranista, ipercapitalista, nemico del ceto medio-basso e pure un po’ radical-chic.
Del resto è stato Zingaretti a dire che la mascherina “sarebbe dovuta diventare una moda” a fine maggio, quando i contagi stavano già calando drasticamente e dopo aver causato disastri con i suoi “aperitivi antirazzisti” a Milano, quando veramente un po’ di prevenzione e cautela sarebbero state necessarie.
Adesso, grazie a TeleCovid24, il Tg continuo sul Covid a reti unificate, tutti i sovranisti sembrano essere in affanno rispetto ai Dem: Trump sta soffrendo l’andamento della pandemia in America e vedremo tra pochi giorni come andranno le sue elezioni, Salvini sta perdendo consensi in Italia sebbene la Lega resti il primo partito e il referendum costituzionale del 2016 è stato praticamente vanificato dalla vittoria del Sì di pochi giorni fa, Boris Johnson non se la passa benissimo in Uk: tre situazioni impensabili fino a un anno fa.
Questo SarsCov2 è stato una vera manna dal cielo per Dem e affini, che hanno potuto rifiatare dopo una serie incessante di batoste elettorali.
Verrebbe quasi da pensare che se lo siano creato loro per raggiungere proprio questi obiettivi: e se il dottor Fauci, collaboratore di Bill Gates, non avesse finanziato fino al 2019 la dottoressa Zhengli Shi e i suoi esperimenti sulla Gain of function del Coronavirus proprio nel laboratorio di Wuhan, saremmo inclini a credere in un clamoroso colpo di fortuna.
Ma siccome questi intrecci tra Deep State americano e laboratorio di Wuhan esistono, allora parlare di semplice coincidenza è perlomeno da ingenui, anche alla luce delle numerose previsioni che personaggi come Gates, Fauci e la fondazione Rockefeller hanno fatto sull’avvento di un’imminente pandemia. Il modo più facile per prevedere qualcosa e azzeccarci, è organizzarla tu stesso. Ed è quello che è avvenuto anche con il Coronavirus e la follia che ci circonda in questi giorni.

P.s.
Sabato 10 ottobre si è tenuta a Piazza San Giovanni, a Roma, la Marcia della Liberazione.
Sono intervenuti numerosi esponenti del sovranismo italiano come Marco Mori e Francesco Toscano di Vox, Sara Cunial, Francesco Amodeo, Fulvio Grimaldi, Matteo Brandi, il Fronte Sovranista Italiano, Mohamed Konarè e tanti altri.
Sembra che l’intento sia quello di dare vita ad un fronte comune contro il governo Conte, l’Unione Europea e la dittatura sanitaria.
Naturalmente appoggiamo con decisione questo tentativo, come scritto in un post precedente, con l’avvertimento però di non dare vita ad un M5S secondo, che si finga sovranista, anti-europeo e patriottico, per poi correre a unirsi a Pd e dintorni. Siamo già stati fregati una volta.
Ogni accordo politico dovrà essere preso con i veri patrioti, sovranisti e nazionalisti presenti a destra. Di traditori e imbroglioni ne abbiamo le tasche piene.

Pubblicità