La “seconda ondata” la vogliono creare loro. Con l’obbligo di vaccino antinfluenzale

La pandemia ci ha fatto scoprire che esistono persone dotate di meravigliosi superpoteri.
In particolare, quello che va per la maggiore in questi giorni travagliati, è la
preveggenza.
Abbiamo scoperto che personaggi come Bill Gates, la famiglia Rockefeller, Jacques Attali, Anthony Fauci e persino i membri della Commissione europea, sono tutti dotati di questo superpotere, specie quando si tratta di prevedere l’arrivo di pandemie e le reazioni degli Stati.
Ma anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo diversi veggenti nazionali. Come la virologa Ilaria Capua e Walter Ricciardi.

Questi oracoli, che vorrebbero sostituirsi al divino Otelma, da giorni vaticinano su una sicura seconda ondata di contagi da Covid, al pari del sommo Fauci. Il governo sembra averli presi in parola, dal momento che vorrebbe estendere lo stato d’emergenza sino al 31 gennaio 2021.
E tutto ciò mentre i contagi e i decessi si riducono, in tutta la penisola tranne la
Lombardia, a numeri da influenza stagionale.

Ma da dove viene tutta questa sicumera? Evidentemente dalla stessa fonte d’ispirazione di Gates, Rockefeller e Fauci: la certezza di chi sa che qualcosa accadrà, perché E’ STATA PROGRAMMATA.
Prima ha iniziato Zingaretti, rendendo con un’ordinanza la vaccinazione antinfluenzale
obbligatoria per tutti gli over 65 del Lazio a partire da settembre.
Poi ha proseguito Vincenzo De Luca, promettendo lo stesso provvedimento per la Campania.
Ma il colpo di grazia è arrivato in questi giorni, con la mozione della Gelmini alla Camera, che vorrebbe impegnare il governo a estendere l’obbligo di antinfluenzale agli
over 65, al personale sanitario e a tutte le categorie per cui è ora raccomandato, su tutto il territorio nazionale.

Per chi ha seguito le vicende dei contagi ascoltando voci diverse dal solito Burioni,
questa è una pistola fumante. Lo hanno detto in diversi: il dott. Tarro, il dott.
Mariano Amici, un recente studio militare statunitense (qui la traduzione), la dottoressa Mikovitz: il vaccino antinfluenzale aumenta del 36% le possibilità di risultare positivi al Coronavirus.
Tarro cita anche una ricerca olandese del 2008, in cui il vaccino antinfluenzale avrebbe attivato un’epidemia di pneumococco e meningococco .
Secondo questi scienziati, le vaccinazioni diffuse sono state tra i fattori che hanno
causato la strage di Covid in zone come Bergamo e Brescia.
La dottoressa Mikovitz, in Plandemic-The movie, si spinge ancora più in là: secondo lei,
quando si inietta il vaccino antinfluenzale, si iniettano dei coronavirus (min. 18 del video). Da qui l’alto numero di positivi ai tamponi.
Addirittura a marzo, il vicedirettore medico per l’Inghilterra Jonathan Van-Tam, ha dichiarato che i cittadini britannici che hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale per la stagione invernale sono stati avvertiti di autoisolarsi per 12 settimane, perché risultano essere a “massima categoria di rischio”.

Se tutte queste ricerche e pareri scientifici non sono clamorosamente errati, l’idea di imporre la vaccinazione antinfluenzale alle categorie più a rischio a partire dal prossimo autunno, avrebbe il solo effetto di far impennare nuovamente i contagi e i decessi da Covid19 (o presunti tali), causando proprio quella “seconda ondata” che in tanti danno per certa.
Per chi sa, un piano criminale a tutti gli effetti, una strage pianificata.
Per chi non sa, un clamoroso errore di valutazione, che rischia di costare molto caro
a tutti.

Sia per la vaccinazione antinfluenzale, come per qualsiasi altra vaccinazione (compresa
quella anti-Covid), bisogna pretendere ORA il ritiro di ogni obbligo e il rispetto
del diritto costituzionale alla libertà di scelta in ambito terapeutico.
Ciascuno può cominciare inondando di mail e messaggi gli indirizzi e i profili social
di Gelmini, Zingaretti e De Luca. Dovranno poi seguire manifestazioni di piazza e ogni
forma di protesta collettiva, fisica e virtuale.

Il vaccino di massa è l’obiettivo principale del piano pandemico. E’ essenziale chiarire
fin da subito che non sarà tollerata alcuna imposizione in tal senso.

 

P.s. Paolo Mieli in un’intervista a La7 ha dichiarato che, in caso di seconda ondata, la “svolta autoritaria in Italia sarebbe sicura”. Ecco a cosa serve una nuova onda di contagi.

Pubblicità

La distruzione della classe media. Il secondo obiettivo della pandemia

Quando “Giuseppi” Conte, prima di Pasqua, ha detto che questa festività rappresenta il passaggio “dalla schiavitù all’Egitto” tutti hanno pensato a una gaffe.
Ma nel mondo della comunicazione istituzionale, quasi nulla viene lasciato al caso.
Più che una gaffe, a noi quel messaggio ha fatto pensare a un preciso codice massonico: il passaggio da una società multistrato (sebbene temporaneamente rinchiusa in casa) ad una con solo due classi sociali: i padroni (o “faraoni”) e gli schiavi.
Esattamente quello che hanno in testa gli artefici della pandemia: i Rockefeller e Gates.

Negli articoli precedenti ci siamo focalizzati sulle origini del virus, sui suoi
probabili creatori, sulla sua pericolosità reale e sui suoi “fini”.
Abbiamo detto che il principale obiettivo della pandemia è il controllo totale sulla
popolazione, attraverso le vaccinazioni obbligatorie con l’applicazione di ID biometriche (microchip o “tatuaggi quantici“, una forma di marchiatura tecnologica ideata dal Mit e sponsorizzata da Gates) e attraverso l’implementazione di una sorveglianza poliziesca e orwelliana.
Ora ci concentriamo sull’obiettivo secondario della pandemia, ovvero la distruzione della classe media globale.

Per chi ancora non lo sapesse, i super-nababbi della Terra hanno da tempo deciso di
fare squadra contro i restanti 7 miliardi di abitanti del pianeta. Personaggi come Bill Gates, i Rockefeller, i Rothschild, George Soros, Warren Buffet, Michael Bloomberg, oltre ad essere oscenamente ricchi (per Oxfam nel 2019 l’1% più ricco della popolazione mondiale possedeva IL DOPPIO della ricchezza di 6,9 miliardi di persone messe assieme), hanno anche deciso di imporre a tutti il loro volere, creando quella che il compianto Giulietto Chiesa definiva “la  supercupola dei padroni universali”.
E ciò che questa cupola desidera è che nessuno possa intaccare il suo potere. Per cui, la prima cosa da fare, nella loro ottica, è togliere di mezzo tutti coloro
che potrebbero arricchirsi abbastanza da minacciare i loro piani: le classi medie, appunto. Il mondo sognato da questi Paperoni è un mondo in cui loro comandano e tutti gli altri eseguono, dove non ci sia spazio per “arrampicatori sociali”.
Cosa c’entra tutto questo con la pandemia? Lo vediamo davanti ai nostri occhi.

Le disastrose misure imposte dagli “esperti” (quasi tutti in un modo o nell’altro legati a Oms o a Bilderberg/Trilaterale, cioè a Gates e Rockefeller) hanno provocato la chiusura
prolungata di migliaia di attività economiche, molte delle quali non riapriranno più.
Nel frattempo, la cupola dei Paperoni si è arricchita in modo vergognoso in poche settimane di lockdown (282 miliardi di euro nelle prime 3 settimane), aumentando ulteriormente il divario tra loro e il resto del mondo.
Ed è notizia di pochi giorni fa che Bill Gates abbia lanciato un “faraonico” (è il caso di dirlo) investimento di 1,5 miliardi di dollari sul Belpaese, praticamente una Opa sull’Italia.
Dove andranno coloro che saranno rimasti disoccupati a causa del lockdown?
Ma da zio Gates, naturalmente. Il “filantropo”, tra i principati indiziati
per lo scoppio della pandemia, sarà pronto ad accogliere i poveri sottoposti italiani
nella sua grande famiglia. Oltre a sviluppare il vaccino con cui tutti dovranno essere marchiati, si intende.

Le previsioni dicono che 3/4 attività su 10 sono a rischio fallimento a causa del lockdown. E anche quelle che dovessero ripartire, saranno letteralmente sterminate
dal crollo del turismo, dalla crisi economica, dalla paura diffusa di un ritorno dei contagi  e dalle misure “di sicurezza”, quali il distanziamento obbligatorio, il plexiglas separatore e altre follie. Da inizio marzo sono già 34 i suicidi per motivi economici e 23 quelli tentati.
Il piano è chiaro: vogliono distruggere l’economia e far fallire le piccole e medie
imprese. E poiché il criminale governo giallorosso risponde a questi poteri, c’è da giurare che si adopererà con zelo in questo senso, così come ha messo zelo durante la Fase 1 nel perseguitare gli italiani che si facevano una passeggiata, andavano a correre o prendevano il sole, mentre orde di clandestini venivano lasciate libere di entrare sul territorio nazionale e boss mafiosi venivano vergognosamente scarcerati con Bonafede che si copriva un occhio sì e l’altro pure.
Questa gente vuole lo sterminio economico dell’Italia anche per poi dirci che non c’è
altra alternativa” al ricorso al Mes, di modo da consegnarci mani e piedi alla Troika
filotedesca.

A questo punto, l’unica cosa da fare è DISOBBEDIRE e RIBELLARSI.
Tutti, collettivamente.
Riaprire immediatamente i negozi. Fregarsene delle regole imposte da questi sciagurati anti-italiani. Vivere come si è sempre fatto, anche perché il virus ormai non fa più alcuna paura (tranne forse nelle 3 regioni più colpite, ma anche lì oltre la metà dei contagi riguarda le case di riposo).
Rifiutare mascherine (che fanno male se usate in modo prolungato), distanziamento sociale e divieto di assembramento (che sono misure volte solo a garantirsi la sottomissione e la divisione del gregge umano. Divide et impera).
Andare a mare e godersi il territorio, quando questi delinquenti vorrebbero anche proibirci di entrare in acqua senza nuotare.

Le prove definitive della malafede e della volontà golpista di questo governo di criminali, sono la decisione di prorogare lo stato d’emergenza fino al gennaio 2021, quando il virus è praticamente sconfitto, e il divieto del ministero della Salute di fare le autopsie ai deceduti, ordine che ha a lungo impedito ai medici di scoprire le
reali cause dei decessi, pompando il numero dei morti da Covid e rallentando la scoperta delle giuste terapie. Un piano malefico, diabolico, criminale.
Il virus è la gallina dalle uova d’oro che un governo abusivo di traditori e incapaci vorrebbe usare per restare in sella ancora un po’, calpestando diritti, democrazia e
buon senso.

Se gli italiani (ma non solo loro) vogliono sopravvivere a tutto ciò, devono mettere da parte ogni paura del virus e fare l’esatto contrario di ciò che questi signori
vorrebbero imporgli. Il gesto più rivoluzionario oggi è vivere come si è sempre vissuto
prima dello scoppio della pandemia. E naturalmente, protestare collettivamente.
Per finire, rivolgiamo un appello alle forze dell’ordine: sappiamo che molti di loro
sono stanchi di perseguitare i propri concittadini: anche per loro la virtù più grande
oggi è la disobbedienza. Lasciar perdere i cittadini che non seguono le imposizioni di
questo governo psicopatico ed eterodiretto, ignorare quei bar ed esercizi commerciali che non seguono le regole di “distanziamento sociale”, e concentrarsi a cacciare i VERI CRIMINALI, in primis quelli che siedono nelle istituzioni.
Se continueranno a prendersela con un popolo che è già allo stremo, infangheranno in modo definitivo delle divise che fino ad oggi erano rispettate dalla popolazione.
Mandiamo via i veri delinquenti adesso, insieme.