La strage di Nizza. Lupo solitario o operazione militare?

nizza camion-2-2Non è la prima volta che su questo sito ci occupiamo di stragi in Francia (sta diventando una macabra abitudine), e non è la prima volta che viene spontaneo fare delle considerazioni che spesso passano sotto silenzio nella narrazione ufficiale.
Come per i precedenti massacri, quelli di Charlie Hebdo e del Bataclan, la prima cosa che viene in mente è: com’è possibile che i vertici della polizia e dei servizi segreti francesi continuino a rimanere saldamente al loro posto dopo ben tre stragi avvenute in meno di due anni sul loro territorio? Stanno operando bene secondo il loro governo e i loro cittadini?
Misteri della fede. Intanto ci piace ricordare che le indagini della procura di Lilla per la strage di Charlie Hebdo furono bloccate dal ministro dell’Interno Cazeneuve, che impose il segreto di Stato: sembra che la pista delle armi fornite ai terroristi portasse dritta ai servizi segreti francesi e ad alcuni loro collaboratori, quali Claude Hermant.
E altrettanto strana è la testimonianza di alcune teste di cuoio sulla strage del Bataclan, che hanno affermato di essere stati pronti a intervenire quella sera, ma che l’autorizzazione non fu data se non con grande ritardo.

L’ultima strage è diversa dalle altre, per il carattere apparentemente “di lupo solitario” dell’autore, anche se politici e commentatori di ogni ordine e grado si sono affrettati a dare la colpa al terrorismo islamico. La rivendicazione dell’Isis in effetti è arrivata (due giorni dopo), mentre a dire la verità l’unico ad aver parlato da subito di legami col jihadismo radicale è stato il premier Valls, e senza nessuna prova, visto che alle fonti investigative risultava che l’assassino fosse solo uno squilibrato senza legami con l’Isis, anche se con parenti legati all’estremismo islamico.
Parliamo, tra l’altro, dello stesso Valls che ha imposto la famigerata Loi Travail scavalcando il Parlamento e nonostante 4 mesi di proteste popolari. Personaggio molto affidabile.

Adesso l’Isis rivendica la strage e afferma che Bouhlel era “un loro uomo”, i politici non vedono l’ora di dare la colpa alle organizzazioni terroristiche, mentre per gli investigatori si è trattato dell’atto di un pazzo solitario, al limite influenzato dalla propaganda jihadista. A questo punto tocca distinguere.
Se si è trattato dell’atto di un folle isolato, ha poco senso prendersela con l’Islam in generale ed evocare lo scontro di civiltà. Un pazzo è un pazzo, al di là di credo, colore e etnia. Ci può essere stato un indottrinamento, ma questo è come dire che ogni bianco può compiere atti criminali su impulso di organizzazioni simili al Ku Klux Klan o ai movimenti neonazisti.

Se invece c’erano complici, allora la situazione si fa più ingarbugliata. E in ogni caso si complica in modo relativo: se, come sembra, l’assassino non era legato in modo stretto all’Isis, allora la rivendicazione dello Stato Islamico è puramente strumentale.
Se, invece, il legame con l’Isis si chiarisce e si rinforza, rimangono pur sempre forti le responsabilità occidentali nella creazione e nel supporto del mostro, come documentato fino alla nausea negli articoli precedenti sulle stragi francesi.

Sembra difficile dire che Bouhlel, come Salah, fosse un estremista islamico. Dalle informazioni che abbiamo sul personaggio, questo beveva alcol, mangiava carne di maiale, si drogava e aveva una vita sessuale disordinata. E non andava mai in moschea, come testimoniato dal fratello. Non esattamente un jihadista modello.

Inoltre c’è qualche dettaglio che fa sospettare che non si sia trattato del gesto di un pazzo solitario. Per iniziare, la cronaca ci ha raccontato di un autista che “guidava a zig zag e sparava sulla folla“. Questo appare decisamente anomalo, poiché fare le due cose insieme sembra alquanto difficile. E infatti un testimone ha detto di aver visto  “altri 3 complici” uscire dal camion. Ma questa versione è stata presto ignorata dai media, anche perché non sono spuntati fuori altri testimoni a confermarla.

Sembra anche un po’ farsesca l’idea che durante la festa nazionale un camion possa passare controlli e transenne semplicemente dicendo di consegnare gelati: successivamente ci hanno detto che invece ha sfondato le transenne. E come al solito lo stragista aveva con sé i documenti, indispensabili in ogni massacro che si rispetti, ed è stato ammazzato: nessuno viene mai preso vivo in eventi come questi, anche se si può capire la necessità di fermare ad ogni costo un camion lanciato a tutta velocità.
Ancora una volta l’assassino era noto alle forze di polizia, ma non ai servizi e non c’erano precedenti per terrorismo o militanza in gruppi radicali. C’era anche stata nei giorni precedenti un’allerta su possibili attentati con veicoli a motore.
Negli ultimi giorni, inoltre, si è diffuso in Rete un video che mostra un uomo che viene arrestato, malmenato e portato via dalla polizia accanto al camion bianco. Gli autori suggeriscono che sia Bouhlel, in realtà preso vivo.

In definitiva, sarebbe interessante capire se è effettivamente attendibile la testimonianza di chi ha parlato di “altri complici” all’interno del camion, perché a quel punto si sarebbe trattato di un commando, e non di uno squilibrato solitario. E occorre fare chiarezza sul video che negli ultimi giorni gira sul Web.
Appare inoltre molto sospetto che l’ennesima strage si sia consumata esattamente il giorno in cui Hollande aveva deciso di porre fine allo stato d’emergenza, che tanto utile si era dimostrato per reprimere i lavoratori in protesta contro la padronale Loi Travail. Ora grazie al gesto di “un pazzo”, lo stato d’emergenza sarà prorogato, con la conseguente limitazione delle libertà civili. I poteri oligarchici ringraziano, così come tutte le forze xenofobe e anti-islamiche d’Occidente.
Per non parlare del partito del “Ci vuole più Europa”, suonato a dovere con la Brexit e che ora gioisce nell’avere di nuovo un nemico comune che dia senso al progetto.

Infine, per chi ama la simbologia (tanto cara ai massoni), anche questo evento contiene coincidenze molto interessanti.
La strage è avvenuta il giorno della presa della Bastiglia, festa in cui si celebrano i valori della Rivoluzione francese, sul Lungomare degli Inglesi e a Nizza, città natale di Garibaldi. Se non fosse opera di un pazzo solitario, gli obiettivi non solo materiali, ma anche simbolici della strage si sprecherebbero.

 

 

(Aggiornamento del 27/7/2016)
A gettare ulteriori ombre sulla vicenda, ci si sono messe le pressioni dell’antiterrorismo  e della magistratura francese sul Comune di Nizza per distruggere i filmati del massacro, e quelli del ministero dell’Interno sul capo della sorveglianza locale per rivedere la sua versione sulla presenza della polizia nazionale sulla Promenade des Anglais.
Al punto tale che l’agente Bertin è diventata una specie di eroina nazionale per essersi rifiutata di mentire sulla vicenda, dichiarando che non vi erano agenti della polizia nazionale, al contrario di quanto voleva il governo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...